F.A.Q.

Quanto dura il programma?

3 mesi. Il nostro impegno è farvi procedere al massimo della velocità, per saperne di più scarica la “guida” che trovi nella pagina della call.

E’ richiesto un impegno full time?

Si – l’impegno dei founder non può essere una variabile che influenza la velocità di progresso.

Da parte di tutto il team?

Sì, al 100% non può essere una di quelle cose dove “se entriamo allora lo facciamo…”.

Qual è il vostro modello di business?

Equity based. Investiamo una quota di micro-seed.

Cosa fornite e  cosa chiedete in cambio?

Forniamo: mentorship intensiva, supporto tecnico e metodologico alla validazione, formazione,spazi, fino a 30.000 euro di sostegno finanziario, connessione con network internazionale di imprenditori, e con aziende che vogliono innovare attraverso misure di CVC (Corporate Venture Capital). Richiediamo: 5-10% di equity sul capitale della startup – soggetto a negoziazione.

Cos’avete di diverso da un altro acceleratore?

Ci ispiriamo al modello dei più importanti acceleratori a livello internazionale come YCombinator, TechStars, 500 Startups. Per saperne di più scarica la “guida” che trovi nelle pagina APPLY.

Chi siete e qual è la vostra storia?

Siamo imprenditori e business angel ci trovi nella pagina Team.

Chi si occupa della Mentorship?

Ci occupiamo noi in prima persona della mentorship.

Quando inizia il percorso?

Il prossimo batch con la fase di “Garage” inizierà l’1 Dicembre 2016.

Quando si chiude la submission?

Il 30 Settembre. Ci sarà modo di accogliere, in seguito, late submissions, ma non assicuriamo che vengano considerate.

Dove si svolge, in pratica?

A Torino, in via Mantova 36.

E’ necessario trasferirsi a Torino?

Trasferirsi a Torino è NECESSARIO per i 3 mesi del programma, al netto ovviamente delle attività con utenti, clienti…

L’application devo compilarla in inglese?

No: se vuoi puoi farla in italiano. Riteniamo che la tua conoscenza dell’inglese sia importante perchè con molta probabilità avrai a che fare con stakeholder stranieri

Occorre aver costituito una società dotata di personalità giuridica?   

No.

Esistono limiti di età?   

No.

Avete settori settori prediletti?

ICT, Meccatronica, IoT, Gaming, Digital.

Settori esclusi?

No

In che fase dev’essere la startup?

Early stage. Un prototipo funzionante, un proof of concept, per farci capire che sei davvero in grado di fare quello che dici, trovi maggiori dettagli nella pagina APPLY e nella guida da scaricare.

Qual è l’identikit della startup ideale che dovrebbe applicare a 42accelerator?

  • Ha un team completo
  • Ha un prototipo
  • Ha un primo insieme di early adopters (utenti iniziali) che stanno sperimentando il prototipo
  • Ha un elevato potenziale di scalabilità, in un mercato sufficientemente ampio: il più delle volte questo potenziale è legato alla tecnologia come fattore abilitante, quindi sì, il prodotto/servizio dev’essere connotato tecnologicamente. Misurate la completezza del team anche su questo requisito.mpletato il problem-solution fit (IRL “Investment Readiness Level” = 4)

Quanto valutate la preparazione del team rispetto all’idea?

L’idea non ha valore se il team non è in grado di validarne la correttezza e trasformarla in un business.

Conta che sia alla mia prima esperienza di startup?

L’inesperienza può essere colmata dalla pratica. Il nostro compito è trasferirvi conoscenza ed esperienza, il vostro è acquisirla.

Mi serve una laurea?

Non serve una laurea o un MBA, non sono quelle le nozioni che ti servono per fare l’imprenditore.

In pratica cosa si fa durante i mesi di accelerazione?

(1) Validazione out of the building attraverso esperimenti. (2) Rendicontazione costante sulla base di metriche. (3) Coaching serrato. (4) Formazione integrativa (se vi è necessaria). (5) Networking funzionale al fundrising (quando sarete pronti).

L’obiettivo comune (nostro e vostro) è dimostrare nella pratica che esiste un mercato disposto a fruire della vostra offerta e a valorizzarla (quindi a pagare, ove previsto). Acquisirete un metodo disciplinato per arrivare a questa dimostrazione, che servirà prima di tutto a voi, e poi anche a noi come investitori. La sfida, e vostra bravura, sarà arrivare a questo obiettivo molto velocemente, con risorse limitate, sfruttando tutte le occasioni a vostro vantaggio, anche gli errori. Così fanno gli imprenditori.

Il ritmo di rendicontazione è settimanale.

Come vengono misurati gli obiettivi?

Il ritmo di rendicontazione è settimanale. Il linguaggio di rendicontazione sarà basato su metriche e business model, no su quanto è bello il vostro prodotto. Il cruscotto di misurazione del progresso è l’IRL – Investment Readiness Level.

Siete connessi ad un network di investitori?

Sì, sia italiani che internazionali, sia istituzionali che corporate.

Il programma è in italiano o in inglese?                        

In italiano, se è la vostra lingua. In inglese, in tutti gli altri casi.

Su che metodologie è basato il proesso di accelerazione?

Customer Development, Lean Startup, Lean Analytics, Growth Hacking, Crowdfunding, Design Thinking, Digital Strategy, Fast Prototyping, Business Modeling.

A cosa serve?

A cambiare il Mondo 🙂